domenica 23 novembre 2014

TASSE, D'ORTONA (FI): "LA PRIMA STANGATA E' ARRIVATA"

"Come avevamo preannunciato, la notizia tanto sventolata da parte dell'amministrazione comunale di Lanciano relativa ad un forte abbassamento delle tasse, si è rivelata una bufala". Così Manlio D'Ortona, capogruppo di Forza Italia in Consiglio Comunale, che torna nuovamente all'attacco per evidenziare, come dai primi pagamenti relativi alla TARI, (Tassa sui Rifiuti) ha detto "i nostri concittadini hanno scoperto la triste sorpresa, e cioè la prima di una lunga serie di bastonate che continueranno ad arrivare sulla testa della nostra gente. Una tassa, la Tari, determinata con criteri di calcolo fortemente iniqui e squilibrati, sia per le residenze che per le attività produttive, oltre al fatto che si sono viste arrivare cartelle "pazze" nelle quali si richiede il pagamento entro poche ore dalla loro effettiva ricezione". "Siamo di fronte all'assurdo - ha detto ancora D'Ortona - quella che può essere definita la cronaca di una morte annunciata, ma che l'amministrazione Pupillo ha tentato di nascondere, distorcendo la realtà, vantando risultati a monte che poi, e lo avevamo previsto, sono risultati fasulli". "In consiglio comunale come opposizione avevamo chiesto alla maggioranza di centro sinistra, nell'ambito di una manovra finanziaria complessiva 2014, di portare l'aliquota TASI (Tassa sui Servizi Indivisibili) all'uno per mille, proposta all'ora bocciata, che avrebbe generato un risparmio vero per la collettività superiore al milione di euro".

“Il mito della sociologia”, a Lanciano la presentazione del libro di Mario Sammarone

Oggi pomeriggio, presso la Sala di Conversazione del Comune di Lanciano, in piazza Plebiscito, si svolgerà alle ore 17:30 la presentazione del libro di Mario Sammarone, “Il mito della sociologia – intervista a Franco Ferrarotti” (ed. Solfanelli), saggio in cui Mario Sammarone affronta con il prof. Ferrarotti la condizione umana nell’era della tecnica e del capitalismo avanzato, attraverso sette capitali che analizzano i temi dell’economia, della conoscenza, dell’esperienza politica e del rapporto dell’uomo con la tecnologia e con il sacro nella società attuale. Il libro presenta un excursus introduttivo sulla vita di Franco Ferrarotti e sull’apporto fondamentale che egli dette alla nascita della sociologia in Italia, e due capitoli finali in cui l'autore si chiede se un’altra società sia possibile, a partire da vie di sviluppo teorizzate nel secolo scorso e, in particolare, attraverso una disamina della visione politico-sociale di Adriano Olivetti. Mario Sammarone (1983), lancianese, collabora con l'editore Solfanelli e scrive sul quotidiano "La Città". E' autore di racconti di narrativa storica pubblicati sulle riviste Watt, Flanerì e sul blog di Gabriele La Porta. E' autore di un saggio sulla visione politico-sociale di Adriano Olivetti (Antarés, Milano). La presentazione del libro "Il mito della sociologia" è organizzata dall'Associazione Culturale Lanciano in Comune, in collaborazione con il Comune di Lanciano e l'Associazione Filomati. Sono previsti il saluto del Sindaco di Lanciano e Presidente della Provincia di Chieti, dr. Mario Pupillo, e della dott.ssa Claudia Cimetta, Presidente dell'Associazione Lanciano in Comune. Interverranno il prof. Ezio Sciarra, docente di sociologia presso l'Università di Chieti-Pescara, il dott. Danilo Campanella, dottore di ricerca in Filosofia Politica presso la Pontificia Università Lateranense, Rolando D'Alonzo, noto regista, critico e scrittore, l’editore Marco Solfanelli e l’autore Mario Sammarone, con il saluto finale dei saggisti Francesco Ciocci e Riccardo Narducci. Modera il giornalista e sociologo Antonio Di Nunzio.

venerdì 21 novembre 2014

Base di spaccio nella cameretta dell'amico, 22enne arrestato per droga a Lanciano

Una base di spaccio nella camera da letto dell'abitazione dell'amico minorenne. Con questo stratagemma un 22enne di Lanciano, incensurato, pensava di non "sporcarsi" con l'attività di spaccio che conduceva nel centro frentano, avviando all'attività altri minorenni del luogo. Il giovane è finito agli arresti domiciliari con un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Lanciano, Francesco Marino, su richiesta del pm della Procura della Repubblica Rosaria Vecchi: l'accusa è di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il giovane è accusato anche di "essersi avvalso per le sue attività di spaccio di ragazzi in giovanissima età che, oltre ad essere avviati da lui all'uso di sostanze stupefacenti, venivano indotti a spacciare a loro volta a terzi", come riferiscono gli inquirenti. Lo stupefacente ceduto ai minorenni era di tipo eroina, hashish e marijuana. L'indagine dei carabinieri del Nor di Lanciano è andata avanti per un mese con appostamenti e accertamenti nella "cameretta" del minore, dove c'era un continuo via vai di ragazzi molto giovani per acquistare droga o consumarla nella stessa camera da letto.

Lorenzo Costantini, Lanciano dà l'ultimo saluto al suo giovane campione

Si è tenuto ieri pomeriggio, presso la cattedrale della Madonna del Ponte, il funerale con cui davvero in tanti hanno salutato lo sfortunato Lorenzo Costantini, morto di leucemia a soli 20 anni a Philadelphia, negli Stati Uniti, dove era andato per curarsi.

La vicenda della giovane promessa della Virtus Lanciano aveva mobilitato l'Abruzzo e il mondo del calcio, spingendo molti giocatori a partecipare alla sottoscrizione promossa da Donato Di Campli, procuratore di Marco Verratti.

In pochi giorni erano stati raccolti quasi 500mila euro per permettere al ragazzo di andare a curarsi negli Usa. Purtroppo quei soldi non sono serviti: Lorenzo non ce l'ha fatta e ha perso la sua battaglia più importante. E' finita, insomma, nel peggiore dei modi, ma tutti noi ricorderemo e porteremo per sempre nel cuore "Il profeta", come lo avevano soprannominato i suoi amici.

giovedì 20 novembre 2014

Comunali 2016, sondaggio Lanciano City: chi vorreste come candidato sindaco per il centrodestra?

Il sasso è stato lanciato, nelle scorse settimane, da Fratelli d'Italia-An, che tramite il suo coordinatore cittadino Daniele Lanetta ha fatto sapere che il partito non andrà a "citofonare sotto casa" al candidato sindaco del centrodestra per le Comunali 2016, aggiungendo che, in caso di risposta non soddisfacente da parte della coalizione, non esiterà a correre da solo.

Andando più a ritroso nel tempo, va rilevato che già da un po' si ipotizzano le primarie tra i moderati al fine di individuare la figura migliore per poter tentare, tra due anni, la scalata a Palazzo di Città e restituire così il governo di Lanciano a quella che oggi è la minoranza.

In attesa di capirne (e saperne) qualcosa di più, Lanciano City ha deciso di lanciare un sondaggio: chi vorreste come candidato sindaco per il centrodestra? Quattro le opzioni: Filippo Paolini (foto), già alla guida del capoluogo frentano dal 2001 al 2011; Paolo Bomba, personalità politica eminente (e plurivotata) in forza all'Udc; Ermando Bozza, ancora in cerca di una "rivincita" dopo il flop alle ultime amministrative, complice il fatto che una parte dello schieramento lo appoggiò molto timidamente; Manlio D'Ortona, di fatto il più attivo tra gli esponenti dell'opposizione che siedono attualmente in consiglio comunale. Ultimi giorni utili per votare prima della "chiusura delle urne".